28 dicembre 2021

28 DICEMBRE - GIORNO DEI SANTI INNOCENTI

Peter Paul Rubens - Il massacro degli innocenti  ( 1637) 
 - Alte Pinakothek - Münich-

28 DICEMBRE - GIORNO DEI SANTI INNOCENTI

Questa festa è collegata col Natale, ma colpisce per il suo contenuto cruento : appena tre giorni dopo Natale, la tragedia della morte assurda entra prepotentemente nella storia.
L’ episodio della strage degli innocenti è narrato nel Vangelo secondo Matteo (2,1-16) e comincia dopo la nascita di Gesù, al tempo di Erode il Grande, quando alcuni magi giunsero a Gerusalemme chiedendo dove si trovasse il re dei Giudei, appena nato.
Erode, temendo un usurpatore, si turbò moltissimo alla notizia e chiese ai sommi sacerdoti e agli scribi del popolo il luogo dove sarebbe dovuto nascere il messia.
Saputo che le profezie indicavano come luogo Betlemme, convocò in gran segreto i magi, invitandoli a recarsi nella cittadina giudea, trovare il bambinello e tornare a riferirgli affinché potesse andare ad adorarlo anche lui.  

 Benvenuto Tisi da Garofalo - Strage degli  innocenti (1519)
Pinacoteca Nazionale di Ferrara

Avvertiti in sogno dell’inganno da un angelo, i magi però  dopo acer portato i loro preziosi doni a Gesù,non tornarono a Gerusalemme da Erode che, una volta resosi conto che non avrebbe avuto da loro alcuna informazione, furioso, per proteggere la sua corona, decide di eliminare la minaccia alla radice facendo uccidere tutti i bambini al di sotto dei due anni nati nei dintorni di Betlemme.
Sono loro i Santi Innocenti: queste piccole vittime del sanguinario re Erode, strappate brutalmente dalle braccia materne in tenerissima età, queste pure creature che hanno scritto col loro sangue la prima pagina  dei martiri cristiani e che hanno meritato la gloria eterna secondo la promessa di Gesù: " Colui che avrà perduto la sua vita per causa mia la ritroverà".
Sempre secondo la narrazione evangelica, Gesù scampò alla strage grazie a un angelo che avvisò in sogno Giuseppe, ordinandogli di fuggire in Egitto e solo dopo la morte di Erode la Sacra Famiglia tornò indietro, stabilendosi in Galilea, a Nazareth.


Caroto Giovanni Francesco - Strage degli innocenti e fuga in Egitto 
(altare della Madonna in San Bernardino a Verona) 1527
Bergamo, Accademia Pinacoteca Carrara

La ricerca storica parla in tempi moderni di alcune decine di piccole vittime, visto che Betlemme all’epoca era un piccolo borgo abitato circa da mille persone, ma l’antichissima tradizione liturgica ne evoca un numero molto più alto, fino a farli coincidere con i centoquarantaquattromila di cui si parla nell’Apocalisse di Giovanni.
La Chiesa onora come martiri questo coro di fanciulli ("infantes" o "innocentes") e per essi la liturgia ripete oggi le parole del poeta Prudenzio: "Salute, o fiori dei martiri, che sulle soglie del mattino siete stati diverti dal persecutore di Gesù, come un turbine furioso tronca le rose appena sbocciate. Voi foste le prime vittime, il tenero gregge immolato, e sullo stesso altare avete ricevuto la palma e la corona".

Autore lombardo anonimo - Strage degli innocenti 
( XVII sec.) Pinacoteca Varallo

L'origine della festa dei Santi Innocenti è molto antica, infatti compare già nel calendario cartaginese del IV secolo e cent'anni più tardi a Roma nel Sacramentario Leoniano.
Con la nuova riforma liturgica, attualmente la celebrazione ha un carattere gioioso e non più di lutto com'era agli inizi, collocando le innocenti vittime tra i "comites Christi", per circondare la culla di Gesù Bambino dello stuolo grazioso di piccoli fanciulli, rivestiti delle candide vesti dell'innocenza, piccola rappresentanza dell'esercito di martiri che hanno testimoniato col sangue la loro appartenenza a Cristo.

Daniele da Volterra - Strage degli innocenti (1557) 
Galleria degli Uffizi - Firenze

Ecco il video dove ascoltare la Coventry Carol , cioè  il canto tradizionale inglese del periodo natalizio , ma non di Natale in senso proprio, in quanto si riferisce alla Festa dei Santi Innocenti (Childermas in inglese antico) .
 La Coventry Carol (nota anche col titolo di Lully Lullay) fu composta nel 1534 da Robert Croo, per una delle Sacre Rappresentazioni tradizionali della città di Coventry, appunto, che rappresentavano proprio la Strage degli Innocenti.
 Si tratta probabilmente di uno dei più antichi canti del periodo di Natale giunti fino a noi.

     

Nessun commento:

POST PIU' POPOLARI

DOMENICA MATTINA - Laura Marchetti

Una volta, prima dell'avvento del Cristianesimo , la domenica era chiamata “dies solis” , cioè il "giorno del Sole" , ed...