16 maggio 2018

CERTE PAROLE - Nelson Sabbagh


Anche io da ragazzina ritagliavo parole e figure dalle rivesti, ma non conservavo i ritagli in una scatola, preferivo incollarli  sul diario di scuola  facendolo almeno triplicare di volume ...praticamente non si chiudevano più le pagine!

CERTE PAROLE

C'era una volta
una ragazza
a cui piaceva tagliare le parole dalle riviste
parole di tutte le dimensioni e forme,
in bianco e nero
o colorate
e metterle da parte
avvolte
in carta cellophane,
in una scatolina di colore rosa 
erano parole
che la lasciavano senza fiato
e le arrossivano il viso 

di tanto in tanto,
lei oscurava un po'
la sua camera di donzella
e svuotava la scatola
sui lenzuoli
profumati di vaniglia,
affinché le parole
si mescolassero
si realizzassero
si esaurissero ...

e esaurite
le sussurrassero 
i sapori
i condimenti
e i sospiri
di voler bene ...

quindi
poi rapidamente
correva fuori
per prendere un po' di vento
della strada !

Nelson Sabbagh

Nessun commento:

POST PIU' POPOLARI

DOMENICA MATTINA - Laura Marchetti

Una volta, prima dell'avvento del Cristianesimo , la domenica era chiamata “dies solis” , cioè il "giorno del Sole" , ed...