3 giugno 2018

PICCOLE CHIESE CAMPESTRI - Luigi Orsini


Anche io preferisco le piccole e umili chiesette di campagna, poco frequentate,  mi da la sensazione  di avere, in quel momento, il Signore tutto per me e riesco a raccogliermi meglio in preghiera, anzi in "colloquio" con Lui, senza distrazioni.
Se trovassi una chiesetta così, ci andrei molto più spesso... ma le porte del mio cuore sono sempre aperte al Signore, anche se in chiesa vado poco.
Buona domenica!

PICCOLE CHIESE CAMPESTRI

Oh le chiese piccoline 
obliate tra il fogliame, 
cui non urgono le brame 
de le chiese cittadine! 
Queste vogliono i bei ceri, 
i grandi organi rombanti; 
quelle godono dei canti 
che a lor mandano i verzieri. 
Hanno, ognuna, un campicello 
con tre croci, umile e solo: 
c'è la notte il rosignolo, 
la mattina c'è il fringuello: 
hanno, ognuna, un amatore 
che le viene a ritrovare 
quando il vespero dispare 
in un pallido languore ...

Da  "Le campane di Ortodònico"
Luigi Orsini
(Imola, 13 novembre 1873 – Imola, 8 novembre 1954)

Nessun commento: