17 aprile 2018

CINQUE PAROLE - Alessandro D'Avenia


Perchè usare tante parole quando ne bastano cinque?

CINQUE PAROLE

Tutti dovrebbero avere 
una lista di cinque parole, 
le cinque che preferiscono. 
Le tue cinque parole 
sono quelle che dicono 
come respiri, e da come 
respiri dipende il resto. 
Le mie sono: vento, luce, 
ragazza, silenziosamente 
e benché. Ognuno dovrebbe 
scrivere una poesia con le sue 
cinque parole, giusto per ormeggiare 
l'anima in un porto sicuro. 
La mia suona così: 

Dove sei tu che puoi cucirmi l'anima 
silenziosamente? 
Ragazza piena di luce, 
puoi tu rammendare un ragazzo 
fatto di vento? 
Io cerco il tuo nome, 
benché tu non l'abbia. 

Alessandro D'Avenia

Nessun commento: